PATUELLI: RIVEDERE LA NUOVE REGOLE UE SUL DEFAULT

”Le nuove regole per il default sono state pensate prima della pandemia. Noi segnalammo già dal 2015 queste criticità, quando nessuno ipotizzava una pandemia. Queste criticità sono aumentate con la pandemia e quindi da marzo abbiamo accentuato le nostre iniziative che hanno trovato forte ascolto negli italiani”. Il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, lo sottolinea durante il videoforum organizzato dall’Adnkronos in diretta streaming sul sito dell’Agenzia.
”Nelle fasi di crisi, come questa della pandemia, – ha proseguito il presidente dell’Abi – le evoluzioni dei modelli di sviluppo, dei modelli di business, dei modelli di impresa, dei sistemi economico-sociali si sviluppano più celermente. Tutto si muove e nella pandemia tutto si muove più velocemente. L’Europa ha fatto i più cospicui passi in avanti quando ci sono stati dei momenti di complessità. Questo è il momento di complessità più rilevante dal 1957, dal Patto fondativo e quindi il salto in avanti c’è stato”.

In merito all’emergenza economica da Covid secondo Patuelli “Misure di sostegno alle imprese e alle famiglie devono avere un prolungamento perché la pandemia non è finita e quindi le misure devono essere più prolungate”.
“La pandemia – ha aggiunto – non si uniforma alle regole dell’Eba e alle regole europee, la pandemia è una variabile indipendente. Le regole iniziali dell’Eba per le moratorie devono diventare flessibili perché altrimenti si interromperebbero quando la pandemia non sarebbe finita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *