LA DIETA VEGANA PUO’ ESSERE DANNOSA PER LE OSSA

Una ricerca britannica, condotta da scienziati delle Università di Oxford e Bristol, documenta come un’alimentazione vegana, vegetariana o pescetariana (dieta che prevede l’aggiunta di pesce o frutti di mare a uno schema alimentare di base vegetariano) potrebbe esporre in misura maggiore al rischio di incorrere in fratture ossee, a causa del ridotto apporto di proteine e calcio. Lo studio, pubblicato sulla rivista Bmc Medicine è stato condotto in 18 anni su oltre 54mila persone, e ha dimostrato che gli stili alimentari che escludono la carne aumentano, del 43%, la probabilità di fratture. “Si tratta della prima conferma su larga scala di quanto finora sospettato”, spiega Giuseppe Pulina, presidente di Carni Sostenibili (il progetto nato dalle tre principali associazioni di categoria Assocarni, Assica e Unaitalia). “È opportuno enfatizzare, per una particolare e distruttiva patologia come la fragilità ossea, il ruolo centrale della carne nella prevenzione”.
in ogni caso la dieta vegana non è un regime alimentare consigliabile, specie in periodi “delicati” della vita come l’infanzia, la gravidanza, l’allattamento e la terza età.

La dieta vegana tende a far consumare quantità eccessive di fibre alimentari altri antinutrienti tipo chelanti  e inibitori delle proteasi, favorendo il cattivo assorbimento dei pochi principi nutritivi introdotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *