L’Alto Adige ha bisogno di un’industria forte

Crisi energetica, inflazione, digitalizzazione, carenza di materie prime: si è parlato delle sfide attuali che le imprese devono affrontare in Italia e in Europa nella manifestazione congiunta dei Comprensori di Burgraviato e Val Venosta tenutasi nei giorni scorsi al Molino Merano a Lana. 

Il titolare Rudolf von Berg ha condotto gli ospiti attraverso gli spazi dell’azienda altamente innovativa. I rappresentanti dei Comprensori Norbert Nägele (Burgraviato) e Gustav Rechenmacher (Val Venosta) hanno evidenziato il ruolo dell’industria e le sfide attuali per le imprese: “Il Molino Merano con la sua produzione all’avanguardia è uno dei tanti esempi della capacità innovativa delle nostre imprese industriali. Il contributo che queste imprese garantiscono al nostro territorio in termini di innovazione, creazione di benessere e posti di lavoro di alta qualità è decisivo”. 

La Presidente del Gruppo dei Giovani Imprenditori, Manuela Bertagnolli, ha spiegato come un’Europa forte abbia bisogno di un’industria forte: “Abbiamo visto in questi ultimi anni quanto sia importante essere il più possibile indipendenti per quanto riguarda le produzioni strategiche: prima con i vaccini, poi con le materie prime e ora con l’energia. Abbiamo anche imparato quanto è importante l’industria nella competizione globale. E abbiamo capito che possiamo affrontare queste crisi sistemiche solo insieme. Proprio per questo su temi come i costi dell’energia, la digitalizzazione o il cambiamento climatico serve una risposta dell’Europa”. 

L’europarlamentare Herbert Dorfmann ha infine riferito delle più recenti decisioni del Consiglio europeo in tema di energia e ha affrontato l’andamento dell’inflazione nella Ue. 

Nei due Comprensori Burgraviato e Val Venosta, Assoimprenditori Alto Adige conta complessivamente 92 imprese associate con oltre 6.000 collaboratori e collaboratrici. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *