In arrivo altra stangata delle bollette della luce

In arrivo l’ennesimo maxi aumento del costo della luce, che potrebbe essere, da ottobre, anche del 60%.
“L’enorme crescita dei prezzi all’ingrosso e il loro mantenersi su livelli altissimi, si riflette sulla differenza di spesa rispetto all’anno precedente. In termini di effetti finali, per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nel 2022 (primo gennaio 2022 – 31 dicembre 2022) sarà di circa 1.322 euro, rispetto ai 632 euro circa del 2021 (i 12 mesi equivalenti dell’anno precedente)”, dice l’ARERA, l’autorità di regolazione per energia reti e ambiente che fa sapere di aver limitato “l’aumento dei prezzi dell’energia elettrica per le famiglie ancora in tutela e, pur rimanendo su livelli molto alti, evita il raddoppio”.

Per l’energia elettrica la crescita del +59% del prezzo finale si traduce per la famiglia tipo in un costo di 66,01 centesimi di euro al KWh, comprensivo di imposte.
L’aumento, viene evidenziato, è sostanzialmente legato “all’abnorme aumento della voce energia PE, +59,6%, appena contrastato dal limitato calo della voce di dispacciamento PD, -0,6%. Stabile la voce PPE di perequazione”. Rimasti invariati, ancora a zero, gli oneri generali di sistema e invariate anche le tariffe di rete regolate (Trasporto, distribuzione e misura).

Per quanto riguarda il gas, l’Arera aggiornerà il prezzo per i clienti ancora in tutela alla fine di ogni mese, pubblicando il dato nei primi giorni del mese successivo a quello di riferimento, in base alla media dei prezzi effettivi del mercato all’ingrosso italiano. Il valore del prezzo gas, che sarà pagato dai clienti per i consumi di ottobre, verrà quindi pubblicato sul sito dell’Autorità entro 2 giorni lavorativi dall’inizio di novembre.
Il metodo, viene spiegato, sarà in vigore fino al termine della tutela gas per i clienti domestici, previsto per gennaio 2023, termine sul quale l’autorità oggi stesso, ha inviato una segnalazione a Governo e Parlamento ribadendo la richiesta che la scadenza venga posticipata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *