A Rimini in arrivo altri congressi internazionali

Il Palacongressi di Rimini

Si può dire ormai consolidata la ripresa dell’attività congressuale a Rimini. Lo attestano gli eventi che si stanno svolgendo e quelli già calendarizzati per i prossimi mesi.

Così se oggi ternina al Palacongressi la Conferenza europea di acquacoltura si lavora già per i grandi eventi di novembre (Swichmed Connect il 9 in concomitanza con Ecomondo che si tiene in Fiera) e dicembre con l’attesissimo FIM AWARDS, con la premiazione di tutti i vincitori mondiali dei campionati svolti nel 2022 sotto l’egida della FIM Federazione Internazionale Motociclismo. 

Invece sono giunte al traguardo due candidature internazionali per le quali si è attentamente lavorato: ICHC 2025 e IMEKO 2027.

ICHC – International Congress of Histochemistry and Cytochemistry raduna scienziati di tutto il mondo studiosi della composizione chimica delle strutture dei tessuti biologici attraverso metodi microscopici. L’ultima edizione si è svolta a Praga nell’agosto scorso ed ora è ufficiale che dopo la presentazione delle destinazioni finaliste (oltre a Rimini c’era anche la destinazione statunitense di Renton) sarà il Palacongressi di Rimini ad ospitare l’edizione del 2025.

IMEKO – International Measurement Confederation raduna 42 organizzazioni che si occupano del progresso della tecnologia di misurazione attraverso l’interscambio internazionale di informazioni scientifiche. L’ultima edizione del loro World Congress si è svolta a Tokyo nel 2021, poi toccherà ad Amburgo nel 2024 e a Rimini nel 2027.

Soddisfatto  il direttore della divisione Event & Conference di IEG – Italian Exhibition Group,  Fabio De Santis: “Quella di predisporre i documenti per le candidature internazionali – spiega il direttore della divisione Event & Conference di IEG Fabio De Santis – è un’attività sviluppata in sinergia fra il ‘sistema città’ e l’expertise di IEG, declinando la strategia condivisa di attrarre gli eventi internazionali, ben sei nel 2022. I successi di altre due candidature testimoniano la bontà del lavoro svolto e che ci sta garantendo al momento una decina di eventi internazionali nel prossimo quinquennio. Abbiamo fiducia sul buon esito di altri progetti internazionali, la proposta di Rimini ottiene infatti un’attenzione crescente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *