La reggiana AL.EA acquista fonderia in Romania

AL.EA., azienda reggiana specializzata nella fornitura di componenti industriali a disegno occupandosi di industrializzazione in outsourcing di fusioni e lavorazioni meccaniche, ha in cantiere due importanti novità. Si allargherà con una nuova sede in Puglia ed ha acquisito una fonderia in Romania (nella foto).

L’azienda, che coinvolge circa 40 persone e registra un fatturato di 11 milioni di euro, ha le proprie sedi a Sant’Ilario d’Enza (RE), a Shanghai e in Slovenia.

“L’impresa in questi anni ha dato vita ad un forte sviluppo e ha messo in atto importanti investimenti per un valore di 2 milioni di euro – spiega il CEO Luca Accolli, che aggiunge – Con il nuovo ufficio pugliese aumenteremo la copertura del territorio nazionale, in particolare nelle regioni del sud. Qui verrà creata una rinnovata rete produttiva e commerciale. L’azienda dislocherà qui parti della propria produzione in partnership con un impianto di stampaggio plastica in Italia.

L’acquisizione della fonderia nel nord della Romania, con cui collaboravamo già in precedenza, incrementerà la produttività ed i margini di crescita con importanti benefici anche in termini logistici sia a livello di tempistiche che a livello di costi. Puntiamo molto su questo nuovo polo produttivo nell’Europa dell’Est”.

Accolli inoltre dice: “Abbiamo investito anche nel reggiano, ingrandendo e rinnovando la sede centrale di Sant’Ilario d’Enza. Ci siamo strutturati tecnologicamente con un nuovo ed innovativo programma di gestione di un livello decisamente superiore di quelli di nostro utilizzo e abbiamo assunto nuove figure nell’ufficio tecnico e nella sezione commerciale e logistica. Ci siamo strutturati maggiormente sviluppando una forte collaborazione con uno studio italiano specializzato nelle certificazioni e con un nuovo ufficio brevetti, per aumentare il ventaglio di servizi per la clientela”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *