Casa: mercato in ripresa +12% vendite

La ripresa del mercato del mattone fa bene all’Italia con un aumento delle compravendite che +12% in un anno grazie alla spinta dei bonus fiscali per le ristrutturazioni alla voglia di sicurezza degli italiani che continuano a vedere nella casa un tradizionale bene rifugio anche adesso con il clima di incertezza e preoccupazione dovuto al conflitto in Ucraina. E’ quanto afferma l’Unione europea delle cooperative (Uecoop) nel commentare positivamente gli ultimi dati dell’Agenzia delle Entrate per il settore residenziale relativi al primo trimestre 2022 rispetto alla stesso periodo dell’anno precedente con in crescita anche l’indice Istat dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento.

Sull’andamento del mattone – sottolinea Uecoop – si sentono gli effetti dei vari bonus e superbonus con molte famiglie, fra case private e condomini, che hanno affrontato la sfida dell’iter burocratico per la presentazione dei progetti di ristrutturazione nonostante le frenate e le ripartenze e le difficoltà registrate con le cessioni dei crediti e gli sconti in fattura. La vitalità del mercato del mattone – sottolinea Uecoop – è una bella notizia per il Paese e per il settore delle costruzioni che con quasi 1,5 milioni di addetti il settore ritorna per la prima volta a livelli di occupazione che non si vedevano da quasi dieci anni registrano con un balzo del +9,8% delle ore lavorate nel primo trimestre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021.

Gli ultimi dati sull’edilizia sono – evidenzia Uecoop – un segnale di speranza dopo che il rincaro delle materie prime e prima ancora la pandemia hanno messo a dura prova la resilienza di imprese e cooperative impegnate nel settore. La possibilità di una programmazione pluriennale degli interventi – conclude Uecoop – è strategica per la ripresa delle costruzioni che sono uno dei comparti con la più alta intensità di utilizzo di manodopera e capitali ed è in grado di offrire un contributo concreto alla ripresa del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.