Le BCC di Milano e Bergamo verso l’integrazione

I Consigli di Amministrazione di BCC Milano e di BCC Bergamo hanno dato il via a un progetto di fusione che porterà BCC Milano ad ampliare il territorio di competenza e permetterà di creare un operatore di rilievo per la provincia di Bergamo. Si rafforza così la proposta del Credito Cooperativo nelle due province più popolose e a maggior vocazione produttiva della Lombardia.Entro il primo semestre del 2022, infatti, a operazione conclusa, BCC Milano opererà su un territorio di 200 comuni in 7 province lombarde, con un organico di 600 collaboratori e una rete territoriale di 66 sportelli. La Banca inoltre offrirà i propri servizi a un’utenza composta da oltre 27mila Soci e 110mila Clienti.

“Questa fusione – commenta il Presidente di BCC Milano, Giuseppe Maino – ci consentirà di compiere un importante passo nella valorizzazione della cooperazione di credito in Lombardia, abbracciando un nuovo e più ampio territorio costituito da comunità che, da oltre un secolo, apprezzano le caratteristiche distintive del nostro modello.

La grande valenza di questa aggregazione – dichiara il Presidente di BCC Bergamo, Duillio Baggi – risiede nella volontà delle parti di offrire a Bergamo, alla sua provincia e alle sue valli, visione, crescita, servizi e prodotti adeguati alle esigenze e alle richieste del territorio.”

La decisione dei Consigli di Amministrazione è stata comunicata alla Capogruppo del Gruppo Bancario Iccrea al quale entrambe le Banche aderiscono; sarà adesso avviato l’iter necessario a ottenere l’approvazione del Piano Industriale da parte della Banca Centrale Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *