MUTUI CASA VERSO NUOVA PROROGA

Si va verso una proroga per il pagamento dei mutui per l’acquisto della prima casa. 

“È allo studio del Ministero dell’Economia e delle Finanze una verifica tecnica per valutare la possibilità di elaborare una norma di proroga dell’operatività dell’art. 54 del dl 18/2020, finalizzata ad estendere anche ai lavoratori autonomi, ai liberi professionisti e agli imprenditori individuali i benefici dell’accesso al Fondo per la sospensione dei mutui per l’acquisto della prima casa” ha detto Claudio Durigon, sottosegretario al Mef, nell’interrogazione in Commissione finanze alla Camera 

In patrticolare il Mef sta valutando la possibilità di elaborare una norma di proroga dell’operatività dell’art. 54 del dl 18/2020, finalizzata ad estendere anche ai lavoratori autonomi, ai liberi professionisti e agli imprenditori individuali i benefici dell’accesso al Fondo per la sospensione dei mutui per l’acquisto della prima casa. Il fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa, istituito con la legge n.244/2007, prevede la possibilità, per titolari di un mutuo fino a 250 mila euro contratto per l’acquisto della prima casa, di beneficiare, al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà, della sospensione per 18 mesi del pagamento delle rate, sostenendo il 50% degli interessi maturati nel periodo di sospensione. In considerazione dell’emergenza sanitaria il fondo è stato rifinanziato con 400 milioni di euro ed esteso, con l’articolo 54 del dl 18/2020 (dl Cura Italia) e dell’articolo 12 del dl 23 dell’8 aprile (dl Liquidità), fino al 17 dicembre 2020, anche, tra gli altri, a lavoratori autonomi, liberi professionisti e imprenditori individuali che hanno subito riduzioni del fatturato in conseguenza della chiusura delle loro attività in attuazione di disposizioni dell’autorità competente per l’emergenza Coronavirus. 

È stata inoltre prorogata al 31 dicembre 2021 la possibilità della sospensione dei mutui, che non è stata però attivata per tutte le categorie alle quali era stato temporaneamente concesso il beneficio, escludendo lavoratori autonomi, liberi professionisti, artigiani e commercianti. Visto il persistere della situazione emergenziale e le segnalazioni parlamentari il Mef ha risposto positivamente all’interrogazione che evidenziava la necessità di estendere nuovamente anche a queste categorie i benefici del Fondo Gasparrini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *