FISCO: LA CASSAZIONE ASSOLVE MARADONA

Clammorosa sentenza della Corte di cassazione: Diego Armando Maradona non è stato un grande evasore del fisco. In ventinove pagine di ordinanza compare una ricostruzione minuziosa che assolve Maradona e annuncia la condanna alle spese per il fisco che sarà calcolata dai giudici dell’appello.
La Corte ha stabilito che il bomber argentino – morto il 25 novembre 2020 – ha diritto al condono concesso al Napoli Calcio e convalidato dalla Commissione tributaria centrale di Napoli nel 2013. Grazie a questa decisione degli ‘ermellini’ si potrà chiudere la gran parte del contenzioso fiscale di Maradona, valore stimato di circa 40 milioni di euro, e adesso la Commissione regionale della Campania dovrà valutare, nell’interesse degli eredi, se ci sono pendenze non condonabili.


L’avvocato del campione scomparso , Angelo Pisani, ha parlato della lotta al fisco italiano del Pibe de Oro, ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Finalmente anche la Cassazione mette la parola fine alla vicenda su Maradona e il fisco. Che tra l’altro parla anche di condanna del fisco. Sono veramente contento e credo che Maradona da lì stia sorridendo. Lui sapeva di essere innocente e non voleva nemmeno difendersi, poiché non ne sentiva il bisogno. Poi ci siamo difesi e la Cassazione oggi ha riconosciuto la sua innocenza. Diego è l’esempio del bene che vince sul male. Certo ci sono stati degli ostacoli, ma lui alla fine li ha superati. Diego Armando Maradona è immortale. Sono sicuro che alla fine di tutte queste vicende giudiziarie trionferà la verità. È un uomo di sport”.

L’avvocato ha poi osservato  che “oggi se in Italia c’è più giustizia, è anche grazie a Maradona. La società calcio Napoli avevano addirittura concluso un condono con l’agenzia delle entrate e nemmeno questo era riuscito a fermare la persecuzione contro Diego Armando Maradona. Ho sempre creduto in lui e sono veramente contento e felice”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *