E’ MORTO GIUSEPPE TURANI, GIORNALISTA ECONOMICO

E’ morto Giuseppe Turani, uno dei giornalisti economici più noti d’Italia. Aveva 790 anni. Era nato a Voghera il 29 aprile del 1941. Il decesso è avvenuto all’ospedale di Broni dove era stato ricoverato per un malore che lo ha colpito ieri nella sua abitazione.E’ stato editorialista economico per L’Espresso, La Repubblica, Capital. Ultimamente era editorialista del QN- Il Resto del Carlino. Autore di numerose inchieste ha scritto con Eugenio Scalfari il saggio “Razza Padrona”. 

“Peppino” Turani era laureato in Economia alla facoltà di economia e commercio dell’Università «Bocconi» a Milano.

Nel 1970 entra nella redazione del settimanale L’espresso, occupandosi della sezione Economia e Finanza e diventandone direttore. Nel dicembre 1974 vince con Eugenio Scalfari il Premio Premiolino per Razza padrona. Nel 1976 passa al neonato quotidiano La Repubblica, dove è responsabile della sezione economica In seguito diventa curatore della casa editrice “Edizioni di Comunità” (Mondadori – Olivetti).

Negli anni ’80 diventa curatore e editorialista di alcuni programmi televisivi della Rai dedicati a temi economici e finanziari. Nel 1986 ritorna a Repubblica come direttore del primo supplemento settimanale del quotidiano romano: Affari e finanza, che esce tutti i lunedì. Successivamente assume la guida della redazione di Milano del quotidiano romano. Nel 1987 riceve il Premio Siena e MontePaschi per il giornalismo economico.

Alla fine del 1989 lascia di nuovo la Repubblica. Dal 1990 al 1992 è editorialista del Corriere della Sera, del mensile Capital e dei settimanali L’Europeo e Il Mondo. Nel 1993 torna a scrivere come opinionista ed editorialista de la Repubblica, riprendendo la direzione di Affari e Finanza.

Nel 1994 è coinvolto nel caso Penne Pulite, con l’accusa di essere stato pagato dal gruppo Ferruzzi e dalla finanziaria milanese Ifm. Il procedimento penale per tutte le accuse contro di lui viene archiviato l’anno seguente con la motivazione, tra le altre, che l’accusa infondata fosse basata su dichiarazioni “del tutto generiche e prive di ogni riscontro”Dal 2001 all’estate del 2007 è direttore di Affari & Finanza e successivamente diventa direttore della rivista economica Uomini & Business.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *