UN NATALE GIALLOROSSO

Dal 24 dicembre al 6 gennaio l’Italia sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi e zona arancione nei giorni lavorativi. ‘ E’ questa la decisione che sembra aver assunto il Governo per le prossime Festività e che dovrebbe venire comunicata dal premier Conte con la solita conferenza stampa, forse stasera.
Nei quattro giorni feriali (28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio) sarà vietata la circolazione fuori dal proprio Comune e resteranno chiusi bar e ristoranti, mentre saranno aperti i negozi.

Le incertezze e i ritardi di Conte nel definire le norme da osservare nei prossimi giorni hanno fatto infuriare la Presidente del Senato, ancora una volta costretta a ricoprire quel ruolo di supplenza del Quirinale che Mattarella non sembra riuscire a svolgere adeguatamente.
«Il Santo Natale, che per tradizione è la festa delle famiglie, il momento degli affetti che si riuniscono. Le famiglie non sanno ad oggi se, quando e con chi potranno viverlo. È incomprensibile che gli italiani non sappiano come comportarsi. Regole anche ferree, ma certe, perché è inimmaginabile che ci si trovi all’ultimo momento di fronte al fatto di non potere portare un augurio ad un genitore anziano, solo e magari anche malato», ha detto Elisabetta Casellati, durante il consueto incontro con i giornalisti a Palazzo Madama per il tradizionale scambio di auguri per Natale. «A 10 mesi dall’inizio della pandemia, troppi sono i ritardi, le indeterminatezze e le disomogeneità nella riorganizzazione sanitaria. Sono errori che non possiamo permetterci di ripetere rispetto alla grande sfida che tutti attendiamo dalla distribuzione dei vaccini anti-Covid. altri Paesi sono già operativi, mentre l’Italia ha ancora difficoltà sui vaccini anti-influenzali. In tanti settori, non solo nella sanità, l’incertezza con cui il Paese si muove è ciò che preoccupa di più i cittadini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *