QUEI GIGANTI DEL WEB CHE (QUASI) NON PAGANO TASSE

Che i giganti del web guadagnino sempre di più è una realtà ben nota. Che paghino in proporzione molte meno tasse delle imprese tradizionali è altrettanto vero. E ora è anche certificato. Per esempio, secondo Mediobanca, nel periodo 2015-2019 i giganti del web e del software  hanno più che raddoppiato il fatturato a un ritmo 10 volte superiore a quello delle grandi aziende manifatturiere. L’anno passato il fatturato dei primi 25 colossi ha toccato quota 1.014 miliardi in un mercato sempre più concentrato e dominato da nomi americani e cinesi: i primi tre, Amazon, Alphabet (Google) e Microsoft, hanno fatto circa la metà dei ricavi con Amazon che da sola ne rappresenta un quarto (249,7 miliardi). Secondo uno studio del’Area Studi di Mediobanca sono aumentati anche utili, forza lavoro e valore di Borsa. E l’emergenza sanitaria non ha frenato la loro corsa neanche quest’anno, anzi in molti casi l’ha incrementata.

Circa la metà dell’utile ante imposte dei giganti del web e del software – continua la ricerca – è tassato in Paesi fiscalità agevolata, come l’Irlanda e Singapore ma pure Usa e Cina, con un conseguente risparmio fiscale di oltre 46 miliardi nel quinquennio 2015-2019. Secondo l’Area studi di Mediobanca il tax rate è pari al 16,4%, al di sotto di quello teorico al 22,2%. Da qui la spinta gli utili 25 big del comparto quasi tutti americani e cinesi, guidati da Amazon, Google e Microsoft, che hanno visto il fatturato aggregato superare nel 2019 i mille miliardi di euro e aumentare anche la forza lavoro e il loro valore di Borsa. L’emergenza sanitaria legata al Covid non ha frenato la loro corsa neanche quest’anno, anzi in molti casi l’ha aiutata.

I giganti del web e del software operano in Italia tramite controllate presenti in gran parte nelle province lombarde di Milano e Monza Brianza. 

L’aggregato 2019 delle filiali italiane, passate in rassegna dall’Area Studi di Mediobanca, ha un fatturato di oltre 3,3 miliardi (pari allo 0,3% del totale delle aziende web e software a livello mondiale) e occupa oltre 11mila unità (0,5% del totale) ,oltre mille in più rispetto al 2018. L’anno scorso hanno versato al fisco italiano circa 70 milioni, per un’aliquota fiscale effettiva del 32,1%. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *