FIRENZE RILANCIA IL TURISMO CONGRESSUALE

Individuare i punti di forza e di debolezza del comparto congressuale fiorentino, per migliorare la sua performance e incrementare l’acquisizione di congressi internazionali: è questa l’azione intrapresa da Firenze Convention Bureau, che oggi ha presentato “Florence Re:Start”, il nuovo studio dedicato al turismo congressuale a Firenze, e il nuovo piano strategico messo in atto con il supporto di partner pubblici e privati per rilanciare il settore. 

Secondo i dati Oice (Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi), Firenze nel 2019 ha ospitato quasi 15mila eventi, per un totale di 1,5 milioni di presenze: all’interno di questa dinamica, l’obiettivo è quello di rilanciare il comparto congressuale internazionale, contraddistinto da una più elevata spesa media dei viaggiatori (670 euro al giorno).

Firenze è fra le prime 40 città congressuali in Europa e si classifica al quarto posto nella sua categoria che comprende città come Ginevra, Glasgow, Lione, Valencia, Goteborg, Amburgo, Rotterdam. Sono undici i fattori chiave che compongono il Convention Destination Competitive Index di Gaining EDGE: capacità delle strutture convegnistiche, offerta ricettiva, accessibilità per via aerea, attrattività della destinazione, pubblico del mercato associativo, costi, logistica, dimensione del mercato, dimensione economica, ecosistema d’impresa, stabilità sociale. I punti di forza di Firenze sono l’attrattività della destinazione e l’ampia offerta ricettiva.

“Il settore congressuale – sostiene Federico Barraco, presidente di Firenze Convention Bureau – deve essere uno degli asset strategici della ripresa del turismo per Firenze. Un settore ricco che consente di puntare sulla qualità dell’offerta e sulla destagionalizzazione. Oggi presentiamo uno strumento essenziale per poter individuare i margini di miglioramento della nostra offerta e per poter definire una strategia di rilancio. Mai come adesso occorre fare sistema per far fronte ad una concorrenza che sarà sempre più agguerrita”.

Per accrescere la competitività di Firenze come destinazione congressuale, il Convention Bureau ha predisposto un piano strategico di ripartenza per l’acquisizione di congressi associativi internazionali dal 2023 in poi. In base ai risultati ottenuti dallo studio del Competitive Index, si stanno affinando i criteri per sviluppare le candidature che meglio si adattano alla destinazione. “Stiamo lavorando su trenta candidature in via prioritaria nell’immediato futuro, per stimolare l’arrivo di nuovi congressi internazionali nei prossimi 3-5 anni”, ha spiegato Carlotta Ferrari, direttrice del Firenze Convention Bureau, sottolineando che i congressi a cui si punta “sono eventi che implicano un forte coinvolgimento del mondo accademico e ospedaliero locale, per cui Firenze ha tutte le carte in regola per acquisirli. Il ruolo del Convention Bureau è fondamentale, perché è l’unico soggetto in grado di aggregare e coordinare l’offerta, farla dialogare con le istituzioni, interloquire con le grandi associazioni internazionali promotrici di congressi”.

Fra le azioni che il Convention Bureau vuole portare avanti, c’è un potenziamento della promozione di Firenze come destinazione privilegiata per congressi scientifici, valorizzando il tessuto della ricerca. Ma nel piano strategico c’è anche una parte dedicata agli incentivi per l’acquisizione di congressi: i vari componenti della filiera, in modo particolare gli alberghi, metteranno a disposizione tariffe e servizi competitivi dedicati a questo segmento di mercato, da prezzi vantaggiosi per i pernottamenti a tariffe scontate su voli e treni, fino a servizi aggiuntivi all’interno del polo di Firenze Fiera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *