BONOMI: RIPARTIRE DA LAVORO, FISCO E BUROCRAZIA

Sono tre le riforme che servono all’economia italiana per ripartire: lavoro, fisco e burocrazia. Il Presidente di Confindustria le elenca in un’intervista al Corriere della Sera. 

Fisco e burocrazia. Si tratta di rifome per cui non è necessario mobilitare risorse. Ma sono fondamentali: senza non saremo in grado di correggere le storture che ci hanno relegato tra gli ultimi Paesi in Europa per crescita e produttività. Ma la prima è quelle del lavoro”, dice Aldo Bonomi, secondo cui non è possibile che ogni 100 euro spesi per il lavoro se ne mettano 98 per le politiche passive e appena 2 per quelle attive. 

In materia fiscale Confindustria chiede un alleggerimento della pressione sulle imprese partendo dall’eliminazione dell’Irap “Per premiare chi assolve con lealtà al patto con lo Stato pagando le tasse”. 

Bonomi poi invita alla prudenza sull’uso dei fondi europei che arriveranno il prossimo anno.

Adesso non abbiamo più scuse e occorre fare i compiti a casa”, dice. “Poi non è pensabile che i fondi che arriveranno risolveranno tutti i nostri problemi. Prima di tutto ricordiamo che le risorse a fondo perduto ammontano a 80 miliardi quando l’Italia contribuisce per 55. Questo comporta un saldo netto a nostro favore di 25 miliardi. Che sono tantissimi, sia chiaro. Poi ci sono i prestiti agevolati che porteremo a casa in funzione dei progetti che sapremo presentare”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *