CDM: SCOSTAMENTO BILANCIO DI 25 MILIARDI E PROROGA CIG

Lo stato di emergenza per il coronavirus in Italia terminerà il 31 luglio. Almeno allo stato attuale. Infatti, la proroga , a quanto si apprende da fonti di maggioranza, non è stata formalizzata nel Consiglio dei ministri di questa notte, anche se c’è un sostanziale accordo sul 31 ottobre come data alla quale prorogare l’emergenza per la crisi Covid .

Per il resto il CdM ha soprattutto dato l’ok al nuovo scostamento di bilancio pari a 25 miliardi. L’extra deficit sarà votato in parlamento il prossimo 29 luglio.
Una lunga riunione di maggioranza, di oltre due ore, ha anticipato il Cdm. Proprio la cifra del nuovo deficit è stata al centro dell’incontro al quale, oltre al premier Giuseppe Conte e ai capidelegazione di maggioranza, hanno preso parte i ministri Roberto Gualtieri, Stefano Patuanelli e Nunzia Catalfo e i responsabili economici dei partiti alleati di governo.
Nel comunicato finale di Palazzo Chigi si precisa come l’esecutivo “chiede l’autorizzazione al Parlamento per un ulteriore ricorso all’indebitamento comprensivo dei maggiori interessi passivi per il finanziamento del debito pubblico, di 25 miliardi di euro per l’anno 2020, 6,1 miliardi nel 2021, 1 miliardo nel 2022, 6,2 miliardi nel 2023, 5 miliardi nel 2024, 3,3 miliardi nel 2025, e 1,7 miliardi a decorrere dal 2026”.
Infatti, si spiega, “il Governo ritiene, in questa fase, di fondamentale importanza continuare ad supportare la ripresa e ad intervenire dove necessario per preservare l’occupazione. In quest’ottica, saranno prorogati gli interventi di potenziamento degli strumenti della Cassa integrazione guadagni”.

Appena sfiorato senza prendere alcuna decisione il tema del Mes inviso ai 5stelle


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *