AZIENDA RIMINESE AIUTA LA CINA A COMBATTERE IL CORONAVIRUS

Vista la situazione pandemica dovuta al Covid19, che in Cina ha creato delle vere emergenze nello smaltimento di rifiuti potenzialmente infetti, Chao Capital, una società di investimento nel settore medical devices su mercati internazionali, ha deciso di rivolgersi all’Europa per scovare aziende specializzate nel settore.

La scelta è stata quella ‘made in Italy’ con gli innovativi macchinari di Newster System di Coriano, in provincia di Rimini. Dopo alcuni incontri, svolti nei mesi scorsi, la società collegata di Chao Capital ha firmato  oggi l’accordo con l’azienda romagnola per partire subito con la creazione di uno stabilimento nella città di Hangzhou, capoluogo della provincia di Zhejiang. La cerimonia si è svolta in diretta Zoom tra la Cina e l’Italia.: tra Rimini, Hong Kong e Qingshan lake science and technoligical city di Hangzhou.

Lo stabilimento sarà inizialmente di 10.000 mq per poi raggiungere gradualmente i 30.000 mq, con dipendenti che varieranno dalle 200 alle 300 unità. Le macchine prodotte, solo ed esclusivamente per il mercato cinese, saranno un migliaio l’anno, per raggiungere le 3.000 unità in quelli successivi. Newster entra anche in una join adventure con quote paritarie, dove investirà e gestirà direttamente il know-how nella produzione di detti macchinari.

La collaborazione è già partita con la firma di un MoU (Memorandum of Understanding) e con l’acquisto di 9 macchinari prodotti nella sede italiana di Newster da parte di Weidun Environmental Technology Co. LTD, holding di Chao Capital, pronti entro luglio.

“Ci basiamo su una tecnologia tutta italiana e brevettata – spiegano Andrea Bascucci, amministratore unico Newster System e Ing. Marco Pericoli, direttore tecnico – per la sterilizzazione completa dei rifiuti solidi, basata su calore generato per frizione. Durante il processo il rifiuto viene finemente triturato e l’attrito generato rilascia calore fin a raggiungere una temperatura di 150°C. In questo modo viene eliminato completamente il rischio biologico. Al termine dello smaltimento resta un prodotto disidratato, completamente irriconoscibile, senza cattivi odori, ridotto dell’80% in volume e del 15% in peso”.

“La tecnologia Newster è riconosciuta dalle più importanti agenzie internazionali – sottolinea Gianluca Magrini, Responsabile Ricerca e Sviluppo – tra le quali l’Organizzazione Mondiale Sanità che inserisce i nostri sistemi nell’ultima revisione del manuale di riferimento sulle migliori tecnologie BAT per la gestione dei rifiuti ospedalieri”. “In Italia – continua Magrini l’attuale normativa di riferimento, D.P.R. 254/03, già prevede la possibilità per le strutture ospedaliere di installare sterilizzatori in loco. Questo permetterebbe di trasformare immediatamente un rifiuto infetto e pericoloso, in un rifiuto assimilabile all’urbano. Inoltre negli ultimi due anni abbiamo a fatto specifici studi per verificare che il rifiuto rimanga sterile anche fino a 28 giorni dal processo. Questo permetterebbe, in una situazione emergenziale come questa, la drastica riduzione di tutti gli spostamenti quotidiani per ritirare i rifiuti infetti e portarli all’incenerimento e metterebbe anche in sicurezza tutti gli operatori della filiera. Non parliamo del conseguente risparmio economico”.

L’installazione di questi macchinari rispetta a pieno quando indicato con gli ultimi decreti e permette di ridurre i costi di gestione dei rifiuti ospedalieri liberando, di conseguenza, risorse economiche preziose.

Newster System srl è un’impresa riminese, fondata nel 1996, specializzata nella progettazione e produzione di tecnologie ecosostenibili per la gestione dei rifiuti ospedalieri, solidi e liquidi. Newster collabora con strutture sanitarie, istituti scientifici, università, laboratori di ricerca ed è presente in tutto il mondo. Vanta oltre 550 unità, attualmente installate e funzionanti, con distributori dislocati in 43 diversi paesi, nei 5 continenti. Occupa 18 addetti in Italia e un numero svariato di addetti e collaboratori all’estero, per assistenza e manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *