PITTI & C: LA MODA RINVIA PER CORONAVIRUS

La moda, stante il perdurare dell’emergenza Covid-19, rinvia, annulla  e pospone. 

Pitti scioglie la riserva sui saloni di giugno: li conferma, ma li rinvia a settembre. Pitti Uomo, accorciato da quattro a tre giorni, si terrà dal 2 al 4, mentre Pitti Bimbo durerà due giorni, il 9 e il 10 settembre; da definire, invece, le date di Pitti Filati. «È emersa forte la richiesta di mantenere a tutti i costi appuntamenti leader come i saloni Pitti che saranno i primi fondamentali strumenti da attivare per rimettere gradualmente in moto l’intera macchina commerciale del settore moda», ha detto Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine, annunciando invece lo slittamento di Testo e Taste.

Si allunga, dunque, la lista di fiere e saloni che, dopo l’annuncio della Camera della moda che rimanda a settembre le sfilate uomo previste dal 19 al 23 giugno a Milano, rimandano o rinunciano all’edizione estiva. Lo ha fatto White, salone della moda contemporary che a giugno sarebbe stato parte integrante della fashion week maschile con il format Wsm: ha dato appuntamento a settembre con un’edizione extralarge che affiancherà White Milano a Wsm. Ha invece fatto saltare l’edizione 2020 di Mido, salone internazionale dell’occhialeria che, inizialmente, doveva tenersi ai primi di marzo e, vista l’emergenza Covid-19, aveva annunciato nuove date a luglio: «L’edizione dei 50 anni viene spostata al 2021, che siamo certi sarà il momento di rilancio del settore dell’eyewear italiano e internazionale», ha detto Giovanni Vitaloni, presidente di Mido, annunciando, tra l’altro, una collocazione temporale «anticipata» per la manifestazione, dal 6 all’8 febbraio. Anche Milano Unica ha voluto dare prova di prudenza: l’edizione di luglio, infatti, è stata spostata dal 7 al 9 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *